Maurizio Puxeddu, musicista, compositore, ricercatore e didatta, deve la sua formazione musicale agli studi effettuati nel Conservatorio di Musica “G. P. da Palestrina” di Cagliari; successivamente, diplomatosi in flauto traverso, ha insegnato Educazione Musicale e Flauto Traverso, Teoria e Pratica delle Launeddas.

Questa conoscenza e formazione gli permette di essere presente nei processi di recupero e valorizzazione della lingua e della cultura sarde.

La sua attività di compositore ha trovato nelle collaborazioni con le compagnie teatrali isolane un efficace sodalizio e comunioni di intenti che gli hanno permesso di esprimere e di interpretare appieno l’identità del popolo sardo in maniera sempre originale.

E’ stato presente nei principali festival europei con la colonna sonora per lo spettacolo teatrale PARISTORIA prodotto dalla compagnia teatrale Actores Alidos.

Nel 1999, grazie ad un contributo del Comune di Cagliari – Assessorato alla Cultura, ha pubblicato THE NEW LAUNEDDAS – Catalogo dei suoni, con allegato un CD audio: un lavoro che contiene parte dei risultati della sua ricerca sulle launeddas ovvero sulle nuove tecniche esecutive da lui elaborate.

TNL, la ricerca sulle launeddas, lo ha portato ad essere invitato, anche fuori dalla Sardegna, per presentare il suo lavoro, in Egitto (in rappresentanza del Conservatorio di Musica “G.P. da Palestrina di Cagliari al Rencontre ’96 des Ecoles de Musique de la Mediterranèe organizzato dall’ECUME (FR) ad Alessandria d’Egitto), in Spagna (al IV FESTIVAL INTERCELTICU organizzato da ESBARDU ad Aviles, nelle Asturie, anno 2000), a Palermo (THE NEW LAUNEDDAS, Agricantus, anno 2000).

Nelle sue composizioni musicali egli spesso attinge dall’immenso patrimonio etnomusicale della Sardegna effettuando percorsi paralleli di sperimentazione e ricerca. Uno di questi percorsi è sfociato in un lavoro musicale che si chiama MEDITERRANEA, fortemente legato al ritmo, alla melodia e alle cosiddette contaminazioni, commistioni di diversi generi musicali come l’etnico, il jazz e la musica cameristica.

Altri percorsi invece sono segnati dal timbro (come in THE NEW LAUNEDDAS), dalle possibilità di variazione timbrica degli strumenti tradizionali sardi, dalle differenti ed innovative possibilità esecutive e dalla suggestione del racconto.


PROSSIMI APPUNTAMENTI

25 agosto 2020 – CONCERTO – Tupa Ruja & Indaco Project – Auditorium Parco della Musica – Spazio Cavea – ROMA
Suonerò alcuni strumenti tradizionali sardi (launeddas e sulittu) in brani come NURAGHE, SONEANIMA di Andrea Parodi, ed il flauto traverso in DORMI NANIN, una ninna nanna popolare molto suggestiva ed espressiva.