THE NEW LAUNEDDAS

Partendo dall’analisi delle peculiarità che più contraddistinguono le launeddas, ma considerando tale strumento come un qualunque altro strumento musicale di estrazione colta (con i quali nel passato certi percorsi esplorativi sono già stati compiuti), Maurizio Puxeddu da anni si è dedicato alla sperimentazione e ricerca delle nuove e inedite possibilità di utilizzo delle launeddas.

Ascolta e scarica su Spotify e altre piattaforme musicali >

ACQUISTA in Formato digitale

THE NEW LAUNEDDAS Nuovi suoni per launeddas
Versione digitale – Copyright © Maurizio Puxeddu (1999)

Nel catalogo dei suoni, THE NEW LAUNEDDAS – Nuovi suoni per launeddas, ci propone una fase del suo percorso musicale. I suoi lavori musicali ricercano l’uso dello strumento isolano per dire cose mai dette; si avventura in ambiti sonori mai esplorati dallo strumento, li fa propri proiettando l’ascoltatore in un incredibile mondo variegato e multicolore di suoni soffiati, percossi, aspirati, pizzicati, multifonici, accennati…

Maurizio Puxeddu ha esplorato, ha scavato, è andato dentro lo strumento isolano, lo ha spremuto, frantumato, sminuzzato. La sua idea è quella di poter usare le launeddas in contesti artistici slegati dalla tradizione. Dalle sue launeddas quindi non aspettiamoci solo suoni tradizionali.

Ascoltiamo senza posizioni pregiudiziali la sua poetica dell’altro suono che ci accompagna tra le delicate sonorità sibilate e soffiate e le invadenti e aggressive sonorità dei suoni-sasso. Pur amandolo, l’artista si libera del mitico suono tradizionale. Ci dimostra come si può anche giocare con le launeddas: ascoltando Donald Duck è impossibile non sorridere sentendo la vocina di Paperino modulata attraverso le launeddas.

ACQUISTA in Formato cartaceo + CD

THE NEW LAUNEDDAS Nuovi suoni per launeddas
Book: Catalogo dei suoni + CD Allegato (omaggio) / Lingua: Italiano, Inglese
Copyright © Maurizio Puxeddu (1999)


THE NEW LAUNEDDAS – Il progetto

L’iniziativa è stata ideata per l’impellente necessità di portare alla conoscenza di un vasto pubblico il frutto di un lungo lavoro di ricerca e sperimentazione, assolutamente originale ed innovativo, svolto da Maurizio Puxeddu, relativo alle nuove ed inedite possibilità di utilizzo, sia musicali che costruttive, delle launeddas.

Maurizio Puxeddu si è dedicato alla sperimentazione ed alla ricerca con le launeddas partendo dall’analisi delle peculiarità che le contraddistinguono ma considerandole come un qualunque altro strumento musicale di estrazione colta con i quali nel passato certi percorsi esplorativi sono già stati compiuti. Da questa ricerca sono scaturite una moltitudine di possibilità sonore aggiuntive, oltre a quelle formidabili che si ritrovano nella tradizione, che proiettano questo strumento plurimillenario in percorsi mai aperti. Maurizio Puxeddu ha esplorato, ha scavato, è andato dentro lo strumento, lo ha spremuto, frantumato, sminuzzato.

La sua idea è quella di poter usare le launeddas anche in contesti artistici slegati dalla tradizione.

Con il contributo ed in collaborazione con:

Nel 1990, utilizzò le launeddas nella colonna sonora per lo spettacolo teatrale “Sa Matta”, tratto da un testo di Antonio Garau (regia Enzo Parodo – produzione Teatro Studio), e, successivamente, cominciò a modificare lo strumento perché potesse produrre altre note oltre quelle tradizionali.

Nel 1992, per lo spettacolo teatrale in lingua sarda “Lintu e pintu” con Mario Medas (regia di Gianluca Medas – produzione Figli d’Arte Medas), dove serviva una atmosfera musicale malinconica che venne realizzata attraverso il suono di un punt’e organu modificato nella sua costruzione, ovvero abbassando di un semitono il terzo ed il settimo grado della scala. Così le launeddas, che nella tradizione suonano sempre in “maggiore”, suonavano in “minore”. Un altro suo contributo verso un differente utilizzo delle launeddas lo si può ascoltare in due tracce audio del cantautore sardo Piero Marras tratte dal CD “TUMBU”: “B’at una femina” e in “Sa ‘oghe ‘e Maria”, un brano dedicato alla figura di Maria Carta.

Proseguendo in questo percorso esplorativo egli ha continuato negli anni a sperimentare e ricercare la produzione di numerose sonorità inusuali per lo strumento isolano, lavoro che è poi cresciuto sino a svilupparsi nel progetto THE NEW LAUNEDDAS.


NUORO

CONFERENZA – THE NEW LAUNEDDAS
Mercoledì 15 dicembre 1999
Collaborazione: Consorzio per la Pubblica Lettura “S.Satta
Spazio: Auditorium Biblioteca “S.Satta”, p.zza Asproni 8

Relatori ed argomenti:
Francesco Pintore – Rapporti tra mercato e musica etnica
Giacomo Serreli – Contaminazioni musicali in Sardegna
Maurizio Puxeddu – The new launeddas – Nuovi suoni per launeddas

SASSARI

CONFERENZA – THE NEW LAUNEDDAS
Giovedì 16 dicembre 1999
Collaborazione: I.S.O.L.A.
Spazio: Padiglione dell’artigianato c/o Bottega ISOLA, viale Mancini

Relatori ed argomenti:
Alberto Sanna – Da strumento popolare a strumento colto
Leonardo Sole – La musica delle parole
Maurizio Puxeddu – The new launeddas – Nuovi suoni per launeddas

ORISTANO

CONFERENZA – THE NEW LAUNEDDAS
Venerdì 17 dicembre 1999
Collaborazione: UNITRE
Spazio: Sala conferenze UNITRE, via XX Settembre 14

Relatori ed argomenti:
Maria Dolores Picciau – Contaminazioni e identità
Antonio Trudu – Tecniche nuove per strumenti antichi
Maurizio Puxeddu – The new launeddas – Nuovi suoni per launeddas

CAGLIARI

SEMINARIO – NUOVI SUONI PER LAUNEDDAS
Martedì 21 e mercoledì 22 dicembre 1999
Orari: dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 16.30 alle 18.30,
Collaborazione: Conservatorio di Musica “P.L. da Palestrina” di Cagliari
Spazio: Aula Magna del Conservatorio

Docente: Maurizio Puxeddu
Maestro collaboratore: Adriano Orrù

CAGLIARI

MOSTRA – INVENZIONI SONORE
28-29-30-31 dicembre 1999
Collaborazione: EXMA’
Spazio: Sala della Torretta dell’EXMA’

Artisti:
Maria Grazia Oppo – Installazione
Maurizio Puxeddu – Sculture sonore, strumenti innovativi, progetti e prototipi per nuove launeddas

Testo critico di Maria Dolores Picciau
Allestimento: Mario Olivieri